Book Now

Coming Soon

Work in Progress

Il San Corrado di Noto

Lo Chef

Ciccio Sultano

Eat & Drink Concept

Siciliano prima che chef, Ciccio Sultano e il ristorante Principe di Belludia. Un viaggio lungo le sponde del Mediterraneo

Ciccio Sultano è il direttore di tutto il progetto di food & beverage all’interno de Il San Corrado di Noto. Titolare del ristorante due stelle Michelin Il Duomo a Ragusa Ibla, lo abbiamo scelto come campione assoluto dell’espressione siciliana, unica mentalità capace di creare una esperienza memorabile per l’ospite, che si trova, a tavola, protagonista di una avventura sensoriale, ricca di contrasti, tappe da scoprire in prima persona, note barocche e azzardi alchemici.

Il San Corrado di Noto
Il San Corrado di Noto
Lo Chef Gallery Sfoglia la Galleria Il San Corrado di Noto Il San Corrado di Noto

Il viaggio che si vive nel ristorante creato nel resort da Ciccio Sultano, Principe di Belludia, è un’autentica dichiarazione d’amore per la Sicilia, espressa in piccole ed entusiasmanti deflagrazioni di sapore, che portano il palato attraverso un itinerario quasi ipnotico, ora agreste, ora ittico, ora bucolico. Sono questi bocconi pirotecnici la migliore biografia dello chef, gli antipasti, i primi piatti, i cannoli rivisitati, i suoi arancini, ricette che fondano una nuova idea di scuola di cucina e ars culinaria.

Ciccio Sultano è un autodidatta dal curriculum incredibile. I suoi esordi sono in una pasticceria all’età di soli 13 anni, numerose le esperienze all’estero (Germania, New York, Los Angeles, Las Vegas), unica e inimitabile la sua espressione della sua terra, la Sicilia, in cui trova sempre posto la luce della saggezza umana.

Vi invitiamo nell’Olimpo della cucina, a essere parte integrante di un’opera d’arte, a divenire viaggiatori e avventurieri in un percorso dove l’onestà e l’orpello convivono in un ossimoro barocco e onirico. Ciccio Sultano è orefice e ogni suo piatto la declamazione della tradizione orale, dell’ortodossia, travolta ed esaltata dall’onda dell’originale, l’omega dell’ossessione per la ricerca.